Il cibo del risveglio

luglio 10, 2019

Vivere 120 anni: medici, scienziati e filosofi rivelano come si fa

Cibo per il corpo, per l’anima e per lo spirito: per la prima volta al mondo tra i più autorevoli medici, scienziati, psicologi, filosofi e mental coach riuniti tutti insieme
danno vita alla prima edizione del convegno nazionale “Il Cibo del Risveglio”

3 – 8 settembre 2019

IL VILLAGGIO DELLA SALUTE PIÙ – Via Sillaro 27 – Monterenzio, Bologna

L’evento è aperto a tutti i cultori e i professionisti della salute e del benessere. In più, crediti formativi Ecm per medici, infermieri e psicologi che frequenteranno l’intero convegno.
E’ possibile partecipare anche solo a una parte del workshop e acquisire online i crediti Fad

Milano, 2 luglio 2019 – Tanti nomi illustri per “Il Cibo del Risveglio”, prima edizione del convegno nazionale, dall’alto contenuto scientifico, alla scoperta dell’elisir di lunga vita: sei giorni di workshop teorico-pratico dedicato a chiunque desideri rinascere, risvegliarsi dalla solita esistenza, scrollarsi i pesi del “male di vivere” e assumere nuove abitudini che portino a stare meglio nell’immediato, ma anche e a lungo termine.

Per conoscere e mettere subito in pratica i segreti di una vita sana, serena e felice, dal 3 all’8 settembre 2019 al Villaggio della Salute Più di Monterenzio, in provincia di Bologna, tra i più autorevoli medici, scienziati, psicologi, filosofi e mental coach per la prima volta al mondo si riuniscono tutti insieme per discutere di questo tema.

Un evento di portata internazionale per gli argomenti e gli studi presentati: ricercatori del DNA spiegheranno le alterazioni che la cattiva alimentazione porta a livello di mutazione genetica, oncologi di fama illustreranno le virtù dei cibi antitumorali, scienziati presenteranno dati delle proprie ricerche sugli effetti degli inquinanti sulla fertilità proponendo nuovi sistemi per valutare precocemente l’impatto ambientale sulla salute umana e per modulare tale impatto attraverso i “cibi giusti”, esperti di nutrizione daranno consigli per una sana e corretta alimentazione sia onnivora sia vegetariana, attingendo sia dalla tradizione occidentale sia da quella orientale.

Imperdibile l’appuntamento con il primo e unico italiano detentore del record mondiale di traversata a remi in solitaria dell’Oceano Atlantico e dell’Oceano Pacifico che svelerà come si possono compiere esperienze al limite, andando oltre il corpo e “nutrendo l’anima” con tecniche e pratiche esoteriche che già appartenevano agli antichi Greci, oltre che alle tradizioni ortodosse orientali. Di questo, e degli stati più elevati di coscienza, ci sarà la possibilità di fare esperienza pratica con uno dei più importanti grecisti viventi, per scoprire la vera essenza della nostra anima e dello spirito, ricorrendo anche a pratiche spirituali di origine sciamanica per riconciliarsi con la Madre Terra.

Inoltre, sarà possibile partecipare ai concerti dal vivo di hang hand-pan, di campane di cristallo e di voci armoniche a 432 hz con musicoterapeuti di provata fama ed esperienza, capaci di portare le onde cerebrali nei più profondi stati di meditazione.

Il Cibo del Risveglio è aperto a tutti gli appassionati e cultori del benessere, oltre a insegnanti di scuola, istruttori di discipline olistiche, professionisti della relazione di aiuto. A tutti sarà rilasciato un attestato di frequenza.

A medici, infermieri e psicologi che frequenteranno l’intero convegno, saranno rilasciati 35 crediti formativi Ecm. Per chi frequenterà solo tre giorni sono previsti 25,5 crediti; chi solo un giorno 10,5 crediti attraverso la formazione on line (Fad).

È possibile iscriversi collegandosi alla pagina Facebook oppure chiamando il numero 338 2370407.

IL PROGRAMMA IN SINTESI – Grandi menti e grandi anime, di discipline ed esperienze assai diverse, hanno scelto di mettersi al servizio delle persone in cerca della rivoluzione copernicana nella propria vita. Ecco perché Il Cibo del Risveglio presenta un programma articolato, eterogeneo e interessante sotto tutti i punti di vista.

MARTEDÌ 3 SETTEMBRE

9.30 – 10.30 Antonio Monti, professore di anatomia, psicologo, ideatore e fondatore del Villaggio della Salute Più e dei centri Antalgik, parlerà delle nuove frontiere della salute: il metodo RCR (reazioni a catena recettoriali), attraverso le mobilizzazioni articolari, ha l’obiettivo di stimolare le catene delle capsule recettoriali, del midollo osseo, del midollo spinale, dei neuroni e dei neurotrasmettitori fino ad arrivare al cervello. Una ginnastica globale, i cui esercizi sono annoverati dal Ministero della Salute.

10.45 – 12.45 Alex Bellini, esploratore e speaker motivazionale, tra le tante esperienze estreme compiute finora, nel 2005 attraversa l’Oceano Atlantico in canoa in solitaria, nel 2008 replica l’impresa nell’Oceano Pacifico, nel 2017 diventa il primo esploratore della storia ad attraversare d’inverno il più grande ghiacciaio d’Europa: l’islandese Vatnajökull. Attualmente impegnato nel progetto “10 rivers 1 ocean”, in cui nei prossimi tre anni navigherà sui dieci fiumi più inquinati di plastica al mondo, Bellini parlerà dell’esplorazione come cibo dell’anima.

14.30 – 17.30 Selene Calloni Williams, scrittrice, documentarista, viaggiatrice, esperta di psicologia del profondo e di tradizioni sciamaniche dei popoli ha sviluppato, attraverso una ricerca ultra trentennale, un metodo straordinariamente efficace per avere tempo. Ha trasmesso questo metodo a numerosi artisti, sportivi, imprenditori e professionisti di successo, ma innanzitutto l’ha applicato alla propria vita con risultati evidenti. Il tempo è il nutrimento dell’anima. Non avere tempo per l’anima è all’origine di molti disagi e problemi personali e sociali. Riscoprire l’anima è ritrovare il tempo come nutrimento dell’anima stessa. La maestria del tempo spiegherà come sia possibile avere tempo per fare tutto ciò che si desidera, con la consapevolezza di prendere una chiara decisione ed essere consci dei meccanismi con i quali la nostra psiche si relaziona al tempo.

MERCOLEDÌ 4 SETTEMBRE

8.30 – 9.30 Giorgio Barbieri, giornalista, presidente della scuola di arti orientali Tao Kuan, ricercatore ed esperto di Qi Gong terapeutico, studia e pratica da oltre trentacinque anni con medici cinesi e maestri taoisti di fama internazionale. Il Corpo di Giada – Yu Ti Gong inizierà i presenti a un riequilibrio energetico degli organi interni attraverso una sequenza di esercizi che lavorano sulla colonna vertebrale, per sciogliere contratture e tensioni muscolari, ossigenare e purificare il midollo spinale, stimolare attraverso il meccanismo dei meridiani della medicina tradizionale cinese il principio di autoguarigione, donando forza fisica e serenità mentale.

9.45 – 12.45 e 14.30 – 17.30 Daniele Tedeschi, esperto in fisiopatologia ed epigenetica della nutrizione, direttore scientifico del Progetto Genobioma, si presenta al convegno con i suoi straordinari risultati sulle applicazioni pratiche nel sequenziamento del DNA: le scienze omiche dalla nutrigenetica alla nutrigenomica. Il genobioma è rappresentato dall’insieme funzionale del patrimonio genetico, in altre parole il DNA nucleare e il DNA mitocondriale, e del microbioma, cioè il genotipo di quei microrganismi che vivono in simbiosi con quell’essere vivente (per esempio il microbiota intestinale). Lo studio della sequenza del DNA, dell’espressione genica e quindi della codifica delle proteine, equivale a conoscere se stessi e le interazioni con cibo, nutrienti, farmaci e con le stesse integrazioni nutraceutiche utilizzate per migliorare la qualità della vita.

GIOVEDÌ 5 SETTEMBRE

8.30 – 9.30 Giorgio Barbieri, Il corpo di Giada – Yu Ti Gong – Seconda giornata di studio di questa antica pratica taoista che agisce sulla colonna vertebrale per riequilibrare l’energia degli organi.

9.45 – 12.45 Gabriele Piuri, medico chirurgo, dottore di ricerca in nutrizione sperimentale e clinica, medico diplomato agopuntore. La millenaria medicina tradizionale cinese, assai più ricca e sfaccettata di quanto si pensi, dedica da secoli ampio spazio alla dietetica, un tema che la medicina occidentale ha tardato a riconoscere come importante per la salute umana. La dieta dei sapori spiegherà come la dietetica non solo sia il cardine della prevenzione ma come anche le prescrizioni alimentari possano rappresentare un’indicazione sistematica in ogni situazione patologica, per sostenere la salute e recuperarla in caso di malattia.

14.30 – 17.30 Luciana Baroni Presidente della Società Scientifica di nutrizione Vegetariana, dirigente del Centro delle demenze e disturbi cognitivi Treviso Nord, autrice di oltre sessanta pubblicazioni e dodici libri su alimentazione e stili di vita. La dieta a base vegetale: molti studi scientifici pubblicati permettono di affermare come le diete a base vegetale rappresentino un’efficace misura terapeutica non farmacologica per le principali malattie cronico-degenerative dei Paesi ricchi: obesità, diabete, ipertensione e altre malattie cardiovascolari. Malattie che, unitamente ai tumori, in chi segue diete a base vegetale hanno tassi d’incidenza ridotti. I vantaggi però non si limitano alla salute umana, ma possono essere estesi anche alla salute del nostro Pianeta. All’interno del seminario sarà presentato il metodo facilitante del PiattoVeg, ideato dalla relatrice al fine proprio di permettere l’agevole pianificazione di menù a base vegetale nutrizionalmente completi.

VENERDÌ 6 SETTEMBRE

8.30 – 9.30 Giorgio Barbieri, Il corpo di Giada – Yu Ti Gong – Terza giornata di studio di questa antica pratica taoista che agisce sulla colonna vertebrale per riequilibrare l’energia degli organi.

9.45 – 12.45 Luigi Montano, Uro-andrologo ospedaliero, responsabile del primo Servizio Pubblico in Italia di Medicina dello Stile di Vita in UroAndrologia dell’ASL Salerno, esperto in Patologia Ambientale ed Ecologia della Nutrizione, Coordinatore del Progetto di Ricerca EcoFoodFertility, attuale Presidente della Società Italiana di Riproduzione Umana. Nell’era dell’Antropocene, la nutrizione per la resilienza ambientale: gli inquinanti ambientali presenti ormai senza eccezione in tutto ciò che respiriamo, mangiamo e beviamo, mettono a dura prova l’intero sistema di difesa dell’organismo. Il progetto di ricerca EcoFoodFertility, biomonitoraggio umano multicentrico e interdisciplinare che si sta svolgendo nelle aree a rischio ambientale, non solo in Italia, utilizza il seme umano come Sentinella della Salute Ambientale e Generale. Un esempio di come sia possibile valutare i segni più precoci di danno alla salute da inquinamento ambientale, ma anche di modulare con la corretta alimentazione e con sistemi nutraceutico-funzionali gli effetti degli inquinanti sull’organismo. Durante il convegno saranno presentati i dati della ricerca EcoFoodFertility condotta finora nei siti inquinati d’Italia e sarà illustrato il progetto di ricerca che è in fase conclusiva con il Ministero della Salute e che è il primo trial clinico randomizzato al mondo condotto sugli adolescenti nelle aree ad alto impatto ambientale.

14,30 – 17,30 Chiara Manzi, nutrizionista, fondatrice dell’Accademia Europea di Nutrizione culinaria, ideatrice di Cucina Evolution, tra i massimi esperti europei di Culinary Nutrition e di nutrizione antiaging. Longevi e golosi: la ricetta della felicità. La ricetta della longevità ha come primo ingrediente un’alimentazione ricca di vitamine, antiossidanti, molecole bioattive ma anche ipocalorica, poco grassa, poco salata e poco zuccherata. Se “Salute” significa benessere psicofisico delle persone, è dovere dei ricercatori della nutrizione trovare una strada per far incontrare le linee guida per una corretta alimentazione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità con carbonara, pizza, fritti e tiramisù. Cucina Evolution, il progetto di Antiaging Italian Food che Chiara Manzi porta avanti da dodici anni, ha fatto ritrovare peso ideale e salute a migliaia di persone senza rinunciare a dolci e pasta.

21.00 – 22.30 Paolo Borghi, Racconti sonori – Concerto di Hang-Handpan. Musicoterapeuta, diplomato il Cetom di Firenze, pioniere nell’utilizzo dell’hang-handpan, è l’ideatore di un metodo di musicoterapia integrata per il rilassamento (Sonum Sound Healing), che fonde automassaggio, meditazioni, esercizi di vocalità, meditazione sonora.

SABATO 7 SETTEMBRE

8.30 – 9.30 Giorgio Barbieri, Il corpo di Giada – Yu Ti Gong – Quarta giornata di studio di questa antica pratica taoista che agisce sulla colonna vertebrale per riequilibrare l’energia degli organi.

9.45 – 12.45 Maria Rosa Di Fazio, oncologa, è responsabile del Servizio di Oncologia Medica del Centro SH, Health Service di Falciano (Repubblica di San Marino). Relatrice in numerosi congressi nazionali e autrice di pubblicazioni su riviste mediche e libri, investigatrice in protocolli di studio nazionali e internazionali, nel suo campo è ritenuta uno tra i luminari più importanti al mondo. Il suo intervento, Alimentazione e integrazione, armi fondamentali nella prevenzione primaria, sinergiche nelle terapie oncologiche e irrinunciabili contro le recidive (non solo dei tumori) spiegherà come almeno il 45 per cento dei tumori abbia origine da un’alimentazione malsana, perlopiù industriale, priva di nutrienti ma ricca soltanto dei peggiori grassi saturi, e di spaventose quantità di zuccheri e glutine. E ancora: latte e latticini carichi di caseina, di fattori di crescita cellulare, di ormoni animali e di antibiotici. Senza dimenticare sale, aromi di sintesi, additivi, conservanti, edulcoranti, addensanti, gelificanti che nulla hanno a che fare con la salute. Mentre la terra, sfruttata da un’agricoltura folle, non ci può dare oltre, per una sana alimentazione si rende necessaria l’integrazione con prodotti naturali e biodisponibili.

14,30 – 17,30 Angelo Tonelli, filologo, poeta, regista teatrale, è tra i massimi grecisti viventi, attività che ha concentrato sulla sapienza greca dalle origini all’alchimia, agli oracoli caldaici. Ha compiuto un percorso individuale di formazione junghiana con Lino Tosca, membro del Cipa, e si è perfezionato con un corso di psicanalisi a Pisa diretto da Roberto Bichisecchi. Da anni pratica meditazione di presenza e coltiva pratiche tratte da varie tradizioni spirituali. Il suo seminario teorico-pratico, Stati di coscienza unitari e unificazione psicososmica nello sciamanesimo e nella sapienza greca e orientale e in C. G. Jung, alternerà sessioni di pratiche di rilassamento, meditative, catartiche, tonglen, cerchio sciamanico e esperienza dei quattro elementi e visualizzazioni guidate con comunicazioni del trainer intorno allo sciamanesimo, con particolare attenzione a quello greco. Infine si parlerà del Sé in Jung con uno sguardo al processo di individuazione sigillato nella Divina Commedia di Dante.

21.00 – 22.30 Isabella Cambiganu, Voci di cristallo – Concerto di campane di Cristallo e Star Crystal Voice – Multidimensional pure sound healing art. Artista e libera ricercatrice, ha studiato filosofia della mente contemporanea, seguendo ricerche di scienza cognitiva e neuroscienze. La sua voce è naturalmente accordata in 432 hz, in coerenza con le leggi universali della vita. La sua ricerca è un tributo alla conoscenza ancestrale del Femminile sacro. Le sue voci di cristallo inducono stati meditativi e di rilassamento favorendo il riequilibrio energetico e psicoemozionale.

DOMENICA 8 SETTEMBRE

8.30 – 9.30 Giorgio Barbieri, Il corpo di Giada – Yu Ti Gong – Giornata conclusiva di questa antica pratica taoista che agisce su tutta la colonna vertebrale per riequilibrare l’energia degli organi.

9.45 – 12.45 e 14.30 – 17.30 Selene Calloni Williams, Il Cibo del Risveglio. Scrittrice, documentarista, viaggiatrice, esperta di psicologia del profondo e di tradizioni sciamaniche dei popoli, è portavoce della Shaman Union, associazione di sciamani buriati ed evenchi della Siberia. Viviamo in un mundus symbolicus, un mondo di simboli e immagini, quando smarriamo il significato dei simboli le nostre azioni perdono la loro efficacia. È difficile vedere come la contaminazione dell’aria, dell’acqua, del cibo, l’impoverimento nutrizionale degli alimenti sia legato alla perdita del significato profondo delle nostre azioni: bere, mangiare, respirare, abitare la terra. Smarrire il significato è dimenticare l’anima. Una simile perdita non è colmabile da alcuna teoria, dieta, dottrina. L’anima lascia un vuoto di significato che si riflette nella difficoltà che l’uomo attuale sperimenta nell’incontrare il giusto nutrimento, il cibo sano. È necessaria una “caccia all’anima” e questa è un’operazione sciamanica.

Attraverso il cibo e il modo in cui mangiamo possiamo guarire non solo il nostro corpo, ma anche le emozioni, i comportamenti, il rapporto con il denaro, le relazioni e rendere splendente e libero il nostro destino. Libertà, salute, creatività, ricchezza, fertilità, serenità, pace, amore, rispetto, gioia e conoscenza hanno inizio da ciò che portiamo alla bocca e da come lo facciamo.

L’arte del cibarsi affonda nella notte dei tempi, azione ricca di simboli e di spiritualità: dalla tradizione dello yoga sciamanico a quella dello sciamanismo siberiano e mongolo, da quella induista a quella del buddhismo tantrico, dalla tradizione mitologica greca al cristianesimo, sfiorando persino il sufismo. Conoscere i significati più profondi dei riti significa comprendere l’altro lato dell’alimentazione, che non c’entra con il calcolo delle vitamine o delle calorie, ma che è incommensurabile e riguarda l’aspetto invisibile del consumare altre vite. Perché ogni cibo è anche uno spirito. E mangiare significa sempre interagire con l’invisibile.

Se tale interazione è compiuta con piena consapevolezza e presenza mentale i benefici che ne derivano sono enormi. Ne giovano la salute fisica, l’intuizione, la visione sottile, la vita emotiva, le relazioni, il rapporto con l’abbondanza e la ricchezza.